Dubai – Un diamante è per sempre

Altro che diamante.  Ci sono momenti nella vita professionale che hanno un significato particolare. Successi, promozioni. Nel settore commerciale certi contratti firmati hanno un sapore diverso, vuoi per il valore, vuoi per la difficoltà con la quale si è concluso l’accordo.

Poi certo, anche licenziamenti, difficoltà, crisi aziendali. Colleghi fantastici che vanno via, stato di agitazione permanente delle Organizzazioni Sindacali, il mal di pancia quando il tuo capo ti chiama e non sai il perchè. Chi lavora in realtà del settore privato, siano esse grandi o piccole, sa di cosa parlo.

Poi ci sono i momenti nei quali incontri qualcosa – a volte qualcuno – che cambia la tua prospettiva. Un diamante.

Il mio qualcuno, il mio diamante, si chiama Kurt Lewin.

Non è un collega, è uno psicologo del secolo scorso che ha effettuato ricerche sulle dinamiche relazionali all’interno di gruppi di persone. In particolare su: come gli individui reagiscono considerando l’ambiente che vivono all’interno del gruppo; come prevedere i fattori che determinano il comportamento delle persone; come analizzare le resistenze al cambiamento di gruppi che hanno un loro equilibrio.

Tutto questo è descritto da una formula di una semplicità disarmante che – tuttavia – contiene una miriade di spunti di riflessione.

cropped-kl1

il comportamento B (Behaviour), è funzione di  P (Person) ed E (Environment).

Il comportamento è ciò che vediamo di una persona. E’ cio che fa o non fa, che fa bene o male. Ciò che è osservabile.

Una persona è fatta dalla sua cultura, dalle sue abitudini, da ciò in cui crede. Dalle sue motivazioni profonde, dalle sue paure e, in ambito professionale, dal livello delle sue competenze. E’ fatta dalla sua esperienza. L’ambiente è tutto cio che abbiamo intorno nel momento nel quale un determinato comportamento si manifesta. Sia dal punto di vista logistico, o fisico, sia – e soprattutto – dal punto di vista delle relazioni sociali e delle interazioni tra persone.

L’equazione di Lewin ci dice che per capire il comportamento, ma  anche per controllarlo, prevederlo ed influenzarlo dobbiamo comprendere la persona e l’ambiente nel quale opera.

Ora, la domanda è semplice: come manager, responsabili delle prestazioni di un gruppo di lavoro, qual è la migliore strategia per ottenere i risultati sui quali siamo misurati? Possiamo cambiare la persona, piegandone il comportamento alle nostre richieste? Forse si, nel breve possiamo farlo. La paura è uno stimolo piuttosto efficace. Fai ciò che ti dico, altrimenti… Ma nel lungo termine è una scelta valida?

Nel lungo periodo, se il nostro obiettivo è la crescita delle prestazioni dei nostri collaboratori, esiste una via più efficace. Se guardiamo alla equazione di Lewin intuiamo immediatamente la risposta. Per influenzare il Comportamento, non potendo cambiare la Persona, dobbiamo agire sull’Ambiente. Creando l’ambiente migliore per il singolo individuo. Attenzione, ciò non vuol dire necessariamente avere un atteggiamento accomodante. Per alcuni servirà un ambiente pieno di sfide nel quale i soggetti potranno reagire in maniera attiva. Per altri, invece, lo stesso ambiente sfidante genererà una rezione di passività. E’ tra i compiti del manager identificare come far crescere le prestazioni dei propri collaboratori e di guidarli in questo cammino in funzione del loro modello comportamentale preferito. Naturalmente servono diverse competenze aggiuntive: tra queste la capacità di osservare il comportamento e di metterlo in relazione con le motivazioni profonde delle persone con le quali lavoriamo. E, successivamente, la capacità di calare il tutto nella realtà quotidiana, nella ricerca di risultati, nella urgenza delle scadenze, nelle follie orgiastiche delle ristrutturazioni aziendali perenni.

Con Lewin come amico è più facile. Ad ognuno il suo ambiente.  Altro che diamanti.

PS: una sera con un amico, cucina libanese e tante chiacchiere è addirittura meglio di Lewin. Grazie Riccardo!

Ricky

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: