Giorno 5 – 14 Marzo

Ore 12.00

Dormito male. E poco. Sono andato a letto tardi, era l’una passata. Il romanzo che sto leggendo mi ha preso la mano, sono nel pieno dell’azione e a forza di una pagina, una sola ancora, ho fatto tardi. Erano da poco passate le quattro quando mi sono svegliato. Pensieri, forse qualche brutto sogno, ricordo vagamente che c’entravano le scale, si era rotta la scala che porta al piano di sotto. E avevo caldo. Sono sceso a controllare che il riscaldamento fosse spento, a volte lo mettiamo in modalità manuale e lo dimentichiamo acceso. E invece no, era spento. Forse la doppia razione di pasta e ceci (special edition, manicaretto imbattibile, ma delle zuppe di Alessandra e dei sogni che le vedono al centro ne parleremo un’altra volta), lo sgombro in umido e le melanzane al forno hanno la loro responsabilità. Devo indagare.

Fuori c’era un silenzio quasi fastidioso, lo stesso che ieri sera, quando sono andato a mettere fuori i rifiuti, saranno state le nove, c’era sulla strada davanti casa. Normalmente sfrecciano auto ogni secondo, abbiamo dovuto far mettere un autovelox per far rallentare chi ha fretta. Il semaforo che fa angolo con la via Appia, cento metri piu in basso, era deserto. Irreale. Ho letto che in Italia, come in Cina qualche settimana fa, si è abbassato il tasso di inquinamento. Che il virus sia il segno di una ribellione della natura contro lo smog? Mah, troppo complottista anche per il giallo che sto leggendo.

Poi me ne sono tornato a letto, e ho dormito.

Oggi l’agenda è fitta di impegni. Non ci crederete ma ho quasi il martello in mano, tempo di quadri. Poi pulizia a fondo di casa. Alle diciassette smart gym, alle diciotto Azzurro in giardino a squarciagola in diretta skype, poi cena sociale. E nel frattempo c’è da finire un libro.

Mentre facevo colazione abbiamo visto un servizio su coloro che stanno passando questo periodo nelle seconde case. All’isola d’Elba, in montagna. Qualcuno, novello Schettino, in Costa Azzurra. Che dire, per qualcuno è sempre vacanza. Già, chissà se quest’anno faremo vacanze. Viaggi, nuove amicizie, città d’arte. Spiaggie remote, cibi etnici e orizzonti diversi. Chissà.

Ore 19.30

Pomeriggio intenso. Due sessioni video con parenti e amici, Jam session condominiale al ritmo di Azzurro. Torta al limone fatta da Andrea e Ale e mangiata alla faccia degli incubi notturni. Ora impastiamo la pizza, che è sabato e siamo di pizzaebirra. Mancano i suppli, disdetta.

Le chat di WhatsApp vibrano impazzite. Facebook urla. Instagram non te lo dico nemmeno. Usciamo virtualmente grazie alla tecnologia, le chiamate video sono diventate la normalità in pochi giorni, si prova a stare insieme anche cosi. E’ un tripudio di tricolori che mondiale di Francia 2006 levati proprio, di inni cantati dal balcone, di forza che ce la faremo, daje. E se i buoni propositi e il senso di appartenenza sopravivessero al Corona Virus? E se scoprissimo che, passata l’emergenza nella quale siamo anche noi ad essere in difficiltà, possiamo guardare l’altro (il vicino di casa litigioso, il collega intollerabile, il profugo, il parente litigato…) con un occhi diverso?  E se ‘sto caspita di virus alla fine ci lasciasse anche con qualcosa di buono oltre alla scia di morti e serrande chiuse? Mi fido poco però, sono scettico di natura.

Ieri una amica ha postato la foto di un skype aperitivo. Patatine salatini e olive e tablet d’ordinanza con le amiche collgate. E una bottiglia di bianco. Quanto basta. Interessante iniziativa da copiare. Noi fragole con la crema pasticcera, rigorosamente fatta in casa. E cosa ci si poteva fare col burro avanzato da quello usato per la torta al limone? Ma cielo, ovvio! Due alici, un po di pane e l’uomo campa. L’Italia in quarantena sa cosa fare. Daje. Ne usciremo. Grassi.

Come dite? i quadri?  Va beh, vediamo domani, sono certo che ce la faremo. Daje.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: